Agorafobia

Il termine agorafobia deriva dal greco “paura della piazza”, degli spazi aperti o affollati.  L’agorafobia è caratterizzata da paura o ansia intensa relativa a:

  • Utilizzare dei mezzi  pubblici di trasporto come ad esempio treni, autobus, automobili o aerei;
  • Essere in uno spazio aperto e ampio, ad esempio un supermercato, un parcheggio o un ponte;
  • Trovarsi in uno spazio chiuso di limitate dimensioni, ad esempio un teatro, un piccolo negozio o ristorante;
  • Stare in coda oppure essere tra la folla;
  • Essere fuori casa da soli.

Trovarsi in queste situazioni scaturisce una forte preoccupazione. Emergono pensieri legati al fatto che potrebbe essere difficile fuggire o ricevere soccorso. Pertanto l’individuo teme o mette in atto strategie per evitare tali situazioni.

Si evidenzia inoltre una compromissione del funzionamento in ambito lavorativo o sociale della persona legato all’ansia e agli evitamenti ricorrenti.

 

TRATTAMENTO

È fondamentale che, all’interno della relazione terapeutica, l’individuo accresca la propria consapevolezza relativa alle cause del disagio e a ciò che esso gli stia comunicando rispetto alla propria vita. Tale comprensione è finalizzata a migliorare, rafforzare il senso di Sé, la responsabilità, la fiducia nelle proprie possibilità e capacità di scelta.

Un elemento fondamentale della terapia è rappresentato dal fatto che il paziente dia significato alla fobia e all’oggetto o alla situazione che inducono il disagio.

 

Custom Field

Lorem ipsum dolor sit amet

Date
Category
Salute
Call Now ButtonContatta la dott.ssa Giorgetti
Vai alla barra degli strumenti